Forme, segni e colori

IL PUNTO

Nonostante la sua semplicità sa trasmettere diverse sensazioni, infatti, accostato ad altri punti può assumere diversi significati e suggerire effetti spaziali, cromatici e di chiaro scuro.Il punto è il più piccolo segno visivo lasciato da uno strumento quando tocca una superficie.

 

Immagine1

 

Caratteristiche del punto

Le caratteristiche  espressive del punto variano in funzione dello strumento utilizzato per produrlo, dalla pressione esercitata dalla mano, dalla forma (vuota, piena, circolare..), dalle dimensioni, dal colore. Anche il modo di accostare i punti origina effetti diversi: punti molto vicini creano un addensamento cioè una zona più scura.

Immagine2
La linea

La linea, che secondo la definizione geometrica è una successione di punti, può essere considerata come la traccia lasciata da un punto in movimento.

Consideriamo un punto luminoso che si muova velocemente nel buio: la scia che lascia dietro di se viene percepita dalla nostra vista come una linea.

Immagine5

Gli andamenti lineari

Esistono diversi tipi di linea che possiamo distinguere secondo il loro andamento come risultante dal movimento di un punto.

Immagine6Immagine7Immagine8

 La forma

La forma è l’aspetto esteriore che percepiamo di ogni cosa. Delimita uno spazio vuoto. Può essere bidimensionale, come i segni delle figure su un foglio o tridimensionale come nell’architettura e nella scultura. In questi casi si parla della forma come volume.

 

Immagine13

Immagine14

 

 

 

 

 

 

 

Luce  – Ombra – Volume

La luce ci permette di percepire la realtà che ci circonda. La luce può essere naturale o artificiale. Grazie ad essa e alle ombre che genera siamo in grado di vedere il colore, la forma e il volume degli oggetti e dello spazio dandoci l’impressione della profondità.Immagine16

Immagine15